Cgil Piacenza
Ricerca semplice documenti
Sindacato FP - CGIL
Servizi pubblici e Terzo Settore
DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730:
AL VIA LA CAMPAGNA FISCALE 2022


Il CAAF CGIL di Piacenza che nel 2021 ha permesso a circa 30 mila piacentini di compilare in tutta sicurezza la dichiarazione dei redditi, rende noto che da lunedì 14 marzo 2022, avvierà il servizio di prenotazione degli appuntamenti telefonici per la campagna fiscale 730, la cui partenza è fissata al 19 aprile 2022.

Il numero unico da contattare per tutta la provincia è lo 0523.459.756 e premi il tasto 1
tramite il quale, seguendo le indicazioni fornite, si potrà procedere alla prenotazione dell'appuntamento.



COME PRENOTARE IL PROPRIO APPUNTAMENTO:
Il CAAF CGIL di Piacenza, comunica che da quest'anno verrà introdotto un nuovo servizio di prenotazione telefonica che, tramite l'uso di sistemi informatici innovativi, migliorerà la prima accoglienza.
Gaia, l’assistente virtuale, sarà in grado di riconoscere l'utente abituale con due modalità:
- la prima, attraverso il riconoscimento del numero chiamante presente negli archivi del Caaf-Cgil,
- la seconda, in caso di mancata identificazione, mediante la comunicazione a voce del proprio nome e cognome e data di nascita.
Una volta riconosciuto, l'Assistente virtuale potrà assegnargli l'appuntamento assecondando le esigenze del contribuente.
  
In questo modo sarà possibile elaborare in automatico la maggior parte delle diverse centinaia di telefonate giornaliere, migliorando il servizio e riducendo i tempi di attesa.
E’ importante sottolineare che l’assistente virtuale sarà sempre attivo, anche in orari serali o nei festivi, venendo incontro alle esigenze anche di chi ha difficoltà a contattare gli uffici durante i normali orari lavorativi.

Rimarrà sempre la possibilità di parlare con gli operatori dell'accoglienza presenti durante il normale orario d’ufficio, a disposizione per rispondere ad esigenze particolari o in caso di nuovi utenti non riconosciuti.

Sempre nell’ottica di migliorare il sistema di accoglienza, da quest’anno verrà data la possibilità a tutti i contribuenti che negli anni scorsi hanno lasciato quale contatto la propria e-mail di prenotarsi un appuntamento attraverso un portale dedicatoI contribuenti riceveranno una mail di invito contenente un link personale con il quale potranno accedere al portale delle prenotazioni, scegliere secondo le proprie esigenze il giorno, l’ora e l’ufficio a cui recarsi per compilare la dichiarazione dei redditi.
Sempre con lo stesso link  sarà possibile, in caso di necessità, cambiarsi in autonomia giorno e ora dell’appuntamento.
Infine, come ultima possibilità di prenotazione, si sta promuovendo la registrazione al portale del CAAF CGIL Emilia Romagna, dove i contribuenti, oltre alla già citata possibilità di gestire il proprio appuntamento, potranno avere accesso alla propria documentazione in qualsiasi momento e in completa autonomia.
La scadenza delle dichiarazioni dei redditi 730 è fissata al 30 settembre 2022, per cui c’è tempo per tutti. Tuttavia, anche quest'anno è stato deciso di partire in anticipo con l'avvio della compilazione delle dichiarazioni per agevolare la platea degli assistiti, dando priorità agli iscritti CGIL e per consentire di ridurre la tempistica dei rimborsi.
 

IL 730 E' DISPONIBILE PRECOMPILATO MA...
- Devi scaricarlo da internet: è possibile accedere al 730 precompilato solamente utilizzando un’identità digitale SPID, CIE o CNS.
- Non è detto che ci sia tutto: anche quest'anno è possibile che nella dichiarazione precompilata non siano presenti tutte le informazioni utili alla compilazione della dichiarazione.
- Non tiene conto dei tuoi interessi: La dichiarazione precompilata dall’Agenzia potrebbe non riportare tutti i dati che il contribuente ha interesse a dichiarare o obbligo di dichiarare, determinando così minori crediti o pagamenti insufficienti con relativo addebito di sanzioni ed interessi.
- Se fai da te il responsabile sei tu: Il contribuente che conferma la dichiarazione precompilata resta comunque responsabile nei confronti dell’Amministrazione Finanziaria non solo per gli eventuali redditi non indicati ma anche per eventuali dati non corretti contenuti nel 730 precompilato con la sola eccezione delle spese deducibili e/o detraibili.
- Potrebbe essere una opportunità: Se sei un pensionato l’INPS non ti invia più a casa alcuna comunicazione o certificazione CU o RED, quindi non hai più a disposizione nessuna documentazione per controllare la correttezza delle tue prestazioni oppure per verificare la necessità di eventuali adempimenti previsti per il mantenimento o l’ottenimento delle stesse o altre prestazioni.


PERCHE' E' IMPORTATE RIVOLGERSI AL CAAF CGIL:
Il contribuente che si rivolge al CAAF, lo delega ad accedere alla dichiarazione precompilata e a presentare il modello 730, affida a professionisti il compito delle verifiche e l’onere delle responsabilità.
 
Tramite il CAAF potrai:

- Ricevere tutte le tue certificazioni INPS di natura fiscale.
- Essere informato ogni anno su tutti gli adempimenti previsti senza rischiare di incorrere in sanzioni e/o perdite di benefici a cui hai diritto.
- Verificare se l’INPS ti ha correttamente riconosciuto le detrazioni spettanti per i tuoi familiari a carico.
- Essere informato se devi presentare il Mod. RED o se puoi evitarlo perché tutti i redditi che possiedi li hai già dichiarati utilizzando il Mod.730
- Essere informato se devi presentare il Mod. Accas-Ps

Il CAAF si assume le responsabilità che gli competono:
- in caso di errori attinenti il visto di conformità, rilevati da controlli interni, predisporrà dichiarazione rettificativa o comunicazione dati, accollandosi il pagamento delle sole sanzioni.
in caso di errori sul visto di conformità rilevati dall’Agenzia delle Entrate è tenuto pagare al Fisco un importo pari al 30% della maggiore imposta riscontrata, sempre che il visto infedele non sia stato indotto dalla condotta dolosa o gravemente colposa del contribuente.


COSA C’E’ DI NUOVO:
Innanzitutto è bene sapere che chi ha usufruito di strumenti di sostegno al reddito (ad esempio NASpI, CIG, Mobilità..) pagati direttamente dall’INPS, è buona cosa che compili la dichiarazione dei redditi e si rivolga al CAAF CGIL per i conguagli del caso.

Le principali novità contenute nel modello 730/2022 sono le seguenti:


- Riduzione della pressione fiscale del lavoratore dipendente: dall’anno d’imposta 2021 l’importo annuale del trattamento integrativo e dell’ulteriore detrazione è aumentato a 1.200 euro;
- Credito d’imposta prima casa under 36: è possibile la fruizione in dichiarazione del credito d’imposta maturato dagli under 36 con ISEE non superiore a 40.000 euro per l’acquisto della prima casa assoggettato ad IVA;
- Superbonus: dall’anno d’imposta 2021, per le spese per l’abbattimento delle barriere architettoniche sostenute congiuntamente agli interventi sismabonus e ecobonus, è possibile fruire dell’aliquota maggiorata del 110%;
- Colonnine di ricarica: per gli interventi di installazione delle colonnine di ricarica iniziati nel 2021 sono previsti dei nuovi limiti di spesa;
- Recupero del patrimonio edilizio: è possibile fruire della detrazione prevista per il recupero del patrimonio edilizio anche per le spese di sostituzione del gruppo elettrogeno di emergenza esistente con generatori di emergenza a gas di ultima generazione;
- Bonus mobili: è innalzato a 16.000 euro il limite massimo delle spese per cui è possibile fruire della relativa detrazione;
- Spese veterinarie: è stato innalzato a 550 euro il limite massimo delle spese veterinarie per cui è possibile fruire della relativa detrazione;
- Spese per i conservatori: è possibile fruire della detrazione del 19 per cento per le spese sostenute per l’iscrizione dei ragazzi ai conservatori, agli AFAM, a scuole di musica iscritte nei registri regionali nonché a cori, bande e scuole di musica riconosciuti da una pubblica amministrazione, per lo studio e la pratica della musica. Si può fruire della detrazione, fino ad un importo non superiore per ciascun ragazzo a 1.000 euro, solo se il reddito complessivo non supera i 36.000 euro;
- Comparto sicurezza: è stato innalzato a 609,50 euro l’importo della detrazione spettante agli appartenenti al comparto sicurezza (decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 ottobre 2021);
- Depuratori: è possibile fruire in dichiarazione del credito d’imposta per i depuratori acqua e riduzione consumo di contenitori in plastica;
- Locazioni brevi: dall’anno 2021 il regime delle locazioni brevi è applicabile solo ai contribuenti che destinano a locazione non più di 4 immobili.
 
Restano confermati anche per l’anno d’imposta 2021:


- le detrazioni relative al c.d. “Superbonus” per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 per le quali spetta una detrazione nella misura del 110% delle stesse, a fronte di specifici interventi finalizzati all’efficienza energetica, nonché al consolidamento statico o alla riduzione del rischio sismico degli edifici effettuati su unità immobiliari residenziali;
- le detrazioni previste per il “bonus facciate” al 90 per cento in relazione agli interventi finalizzati al recupero o al restauro della facciata esterna degli edifici esistenti;
- il credito d’imposta “Bonus Vacanze” fruito nel 2021.

 
NON E’ UNA NOVITA’ MA E’ MOLTO IMPORTANTE RICORDARE CHE:
Dall’anno d’imposta 2020 la detrazione dall’imposta lorda nella misura del 19 per cento degli oneri, spetta a condizione che l’onere sia sostenuto con versamento bancario o postale ovvero mediante altri sistemi di pagamento tracciabili.
La disposizione non si applica alle detrazioni spettanti in relazione alle spese sostenute per l’acquisto di medicinali e di dispositivi medici, nonché alle detrazioni per prestazioni sanitarie rese dalle strutture pubbliche o da strutture private accreditate al Servizio Sanitario Nazionale.